XXI MOSTRA NAZIONALE DI ARTE ANTICA

martedì 24 settembre 2013

Si è chiusa domenica 22 settembre la XIX edizione di Treviso Antiquaria, Mostra Nazionale di Arte Antica, che quest’anno ha registrato un incredibile successo di pubblico e critica con un raddoppio delle presenze rispetto agli anni scorsi a testimonianza di un settore, quello dell’arte antica, sempre più al centro della scena sociale. Nonostante la riservatezza che contraddistingue gli addetti ai lavori, si parla già, infatti, di trattative in corso per i pezzi più importanti della mostra, tra cui rari oggetti appartenuti alle più famose famiglie nobili dai Borgia ai Savoia, dai Medici agli Asburgo, oltre a quadri di maestri quali Ciardi, Milesi, Dall’Oca Bianca, Bordignon, Balla e Rossi fino ad un anello con diamante da tre carati e mezzo.

Un’edizione di Treviso Antiquaria che è stata contrassegnata da molte novità, volte ad attirare nuove fasce di visitatori e creare curiosità intorno al mondo dell’arte antica. Oltre ad un eccezionale parterre di opere esposte, la mostra ha puntato su un'immagine contemporanea completamente rinnovata e nuovi strumenti multimediali per la sua comunicazione. Treviso Antiquaria è stata, infatti, la prima mostra d’arte ad essere presente su GONG, applicazione al mondo 3.0 di ultima generazione, che rappresenta l’evoluzione dell’informazione in quanto, grazie alla geolocalizzazione e profilazione del target, mette al centro dell’attenzione i cittadini che desiderano ricevere informazioni utili a portata di mano in base alle loro esigenze. Inoltre grande attenzione si è riposta nello stimolare l’interazione con l’utente grazie ad internet e ad un percorso studiato all’interno della mostra per fare in modo che ogni espositore accogliesse il visitatore nel suo stand “salotto” per raccontargli le magiche storie che si celano dietro alle opere.

Forte del successo di quest’anno, il Comitato Organizzatore di Treviso Antiquaria è già al lavoro per organizzare l’edizione 2014: di certo non mancheranno le sorprese.

Pin It

0 commenti:

Posta un commento